5 stressanti problemi di lavoro e come risolverli

10 agosto, 2017 alle 09:00,




Lo stress dell’ambiente lavorativo è una tematica che spesso viene affrontata in modo superficiale e leggero, tuttavia rappresenta una realtà da non sottovalutare nel rispetto dell’attività che stiamo svolgendo e della nostra salute fisica.
Secondo recenti studi sembra infatti che lo stress o fatica cronica colpisca più del 30% degli impiegati, questo influenza il workflow di ogni processo organizzativo causando ritardi e danni economici stimati addirittura attorno ai 20 miliardi di euro su tutta Italia. 
Ecco allora che si rivela utile analizzare cinque fra i problemi più comuni in un ambiente di lavoro e le soluzioni più adatte da praticare.


1) Confusione: quando gli obiettivi da portare a termine e la strada per farlo si rivela una cortina di fumo impraticabile, deve scattare il primo campanello d’allarme e l’attenzione in questo caso va rivolta al processo organizzativo che deve essere ristrutturato e snellito a monte, sia che interessi un singolo individuo sia che influenzi un intero team. 
Per ottimizzare questo primo step è utile proporre frequenti brainstorming di gruppo in modo che possano essere analizzate le difficoltà specifiche di ogni settore.

2) Fare di tutta l’erba un fascio: quando in ufficio iniziano ad insidiarsi pregiudizi è essenziale fermarsi e ragionare sulla nostra modalità di approccio all’ambiente. 
Bisogna evitare che i giudizi abbiano un carattere personale e soggettivo e procedere a favore di un’organizzazione mentale che faciliti non solo i rapporti con i colleghi ma che riesca a tenere sotto controllo anche quella tipologia di stress che nasce da preoccupazioni di carattere psicologico, spesso senza reali indicatori esistenti.

3) Rifiutare di mettersi in gioco: sentirsi già completi senza necessità di ampliare i propri orizzonti, anche in un settore lavorativo che si conosce alla perfezione, porterà conseguenze negative e spiacevoli. 

La formazione gioca in questo caso un ruolo essenziale, attraverso incontri nei quali è possibile mantenersi aggiornati in modo da essere sempre al passo.

4) Paura del cambiamento: l’abitudine è quell’atteggiamento mentale che ci fa rifiutare le modifiche o le novità nel nostro lavoro, è importante riuscire a capire che non sempre il cambiamento è un qualcosa di negativo e che può essere addirittura sfruttato per raggiungere obiettivi che con i metodi a cui eravamo tanto affezionati sarebbero stati impraticabili.

5) Stanchezza fisica: un altro aspetto da non sottovalutare che può influire sul nostro stato mentale. Per prenderci cura del nostro corpo nel modo migliore è utile consultare riviste di benessere per apprendere come è possibile agire attraverso una corretta dieta sull’energia di riserva del nostro corpo come fare esercizio fisico e passare il tempo libero all’aria aperta, senza dimenticare l’aiuto del nostro amato caffè! 



Pubblicato in: I nostri valori

Tags: lavoro; ufficio; stress