Orzo e Ginseng: stili diversi di bere il caffè

03 aprile, 2017 alle 15:51,




Da qualche anno stanno spopolando nuove frontiere culinarie e un’attenzione verso il gusto mai sperimentata prima.
Così anche nel mondo della caffeina hanno iniziato a diffondersi delle varianti di sapore al nostro sempre amato caffè tradizionale.

Da una parte troviamo il ginseng: di provenienza asiatica, il cui nome può essere tradotto in ‘’pianta-uomo’’, termine coniato in Cina al fine di indicarne le proprietà curative.
Ma il caffè al ginseng, che si presenta in due formati: tazza piccola o grande e con una colorazione che ricorda in parte il cappuccino, sembra davvero essere utile ad affrontare meglio la nostra giornata.

Diversi studi attribuiscono all’estratto di questa pianta effetti positivi su corpo e mente, come: facilità di concentrazione, diminuzione dello stress, rinforzo del sistema immunitario e della circolazione.
Altra tendenza in crescita è rappresentata dal caffè d’orzo, tradizione questa volta, di origine italiana, che raggiunge un sapore unico grazie alla tostatura del cereale.

Le caratteristiche peculiari di questa bevanda sono l’assenza caffeina e le doti antinfiammatorie.
Se siete alla ricerca di un gusto diverso o siete semplicemente curiosi di sperimentare valide alternative al classico caffè, orzo e ginseng sono le bevande del momento che fanno per voi e... come dire di no ad una tazzina fumante che fa anche bene alla salute? 



Pubblicato in: Il caffè

Tags: Sellmat; caffè; orzo; ginseng